CIRCUITO VALLE DEL LIRI, ARCE (FR)

KZR 2024
GP5
30 GIUGNO

NEANCHE IL CALDO ASFISSIANTE HA FERMATO LE BATTAGLIE IN PISTA DEL KZR CHAMPIONSHIP!

Quinta tappa per il KZR Championship 2024, una tappa che ha senza dubbio messo a dura prova i piloti! Il circuito Valle del Liri di Arce ha ospitato questo quinto round segnato senza dubbio dalle temperature infuocate, il caldo ha fatto da padrone sia nella giornata di sabato che in quella di domenica mettendo a dura prova fisica i protagonisti della tappa. La provincia di Frosinone è stata fra le più calde di tutta la penisola nel weekend e tutti i piloti hanno dovuto far attenzione anche a non scendere troppo di peso, considerati i liquidi che si perdevano in pista, nelle varie manche per non incappare in penalità. Una vera prova di forza questa quinta tappa, che segnava anche l’inizio della seconda metà di campionato dove si iniziano a tirare le somme! Vediamo però come sono andate le varie categorie.

Articolo scritto da Alessandra Guidi Press&Media Mgr Demorace

Divertimento
100%
Competizione
100%
Emozione
100%
Feedback positivi
100%

Primi a scendere in pista i piloti della Next Generation, dove a far segnare il miglior tempo è Alessandro Angelini in 58”.875”’, unico pilota a scendere sotto il muro del 59” con tutti i piloti in griglia molto vicini racchiusi in un secondo. Tutti ordinati in partenza, con Mario Zampa che subito tenta  l’assalto a Andrea Tancredi, che si riprende la posizione poche curve dopo. Errore invece per Alessandro Tersigni che scivola ultimo dopo un testacoda. Zampa intanto conquista posizioni e si porta in seconda posizione, Francesco Contaldo scivola invece quarto con qualche difficoltà. Tersigni riesce a recuperare completamente il gap e passa Contaldo, mettendo nel mirino Tancredi. Problema tecnico per Contaldo che è costretto al ritiro, nel frattempo Tersigni si avvicina notevolmente a Zampa ma non riesce a portare a casa il sorpasso. Ottima la progressione di Angelini che mantiene la leadership senza troppi problemi fino alla bandiera a scacchi, vincendo con oltre 10 secondi di vantaggio.

RISULTATI GARA1 1.Angelini 2.Zampa 3.Tersigni 4.Tancredi DNF Contaldo

In Gara2 nessuno scambio di posizioni nelle fasi di partenza, ma Tersigni a metà giro prende la posizione su Zampa. Non riesce a concludersi il primo giro che tutte le posizioni si scambiano e Contaldo recuperando ben tre posizioni si porta alle spalle di Angelini. Si crea un bel terzetto in lotta per la seconda posizione con Tersigni, Tancredi e Contaldo. I tre non mollano giro dopo giro, consentendo ad Angelini di correre in volata solitaria verso il traguardo. Ad aggiudicarsi la seconda posizione sarà Tersigni, con Contaldo che va a chiudere il podio veramente con un distacco minimo ed al photofinish con Tancredi. Alessandro Angelini recupera ottimi punti in ottica campionato, considerando lo scarto che già ha messo a segno con la prima di Latina nella quale è stato assente. Trema invece la leadership di Contaldo con Tersigni che accorcia in classifica ed un solo punto che li separa al vertice.

RISULTATI GARA2 1.Angelini 2.Tersigni 3.Contaldo 4.Tancredi 5.Zampa

Per la categoria Rotax 18+ il più veloce in assoluto è Matteo Smaldone che firma un tempo di 55”.953”’ e prende così la leadership assoluta e della classe Sport. Per la classe GP il più veloce è Mirko Ricchi che con il suo 56”.518”’ conquista il quinto posto in griglia, subito alle sue spalle Giuliano Ghidini conquista la sesta casella con un tempo di 56”.532”’ che gli vale la prima posizione della classe Gentleman. Primi gruppi a scendere in pista i gruppi A-B, partenza fulminea per Matteo Colangelo che si mette addirittura in quarta posizione già nelle primissime curve del tracciato mentre Smaldone riesce a mantenere la leadership. Infuocato invece Ghidini che nelle prime fasi di gara riesce a bruciare Valerio Silvestri e con un sorpasso da manuale al gancio di Arce passa anche Smaldone. Due coppie  in lotta con Smaldone e Silvestri che si contendono la seconda posizione e Lorenzo Pepe che tenta di studiare Colangelo per soffiargli la quarta posizione. Alla lotta fra Colangelo e Pepe si unisce anche Ricchi e i tre mettono in atto una bellissima lotta. A spuntarla sarà Colangelo per un nulla su Pepe e che porta a casa una rimonta di ben cinque posizioni dal via.  Racchiusi in un secondo anche i primi tre a podio con Ghidini che firma la prima manche della giornata.

RISULTATI A-B 1Ghidini 2-Smaldone 3.Silvestri 4.Colangelo 5.Pepe 6.Ricchi Mirko 7.Mastrogiacomo 8.Paganin 9.Albiero 10.Cannata 11.De Belardini 12.Caiola

Per i gruppi C-D parte molto bene Alberto Nappa che si mette in testa, Roberto Maria che partiva dalla pole non molla e tenta di farsi vedere da Nappa già nelle prime curve. Alle loro spalle Vincenzo Califano tenta di rimanere nella bagarre per la prima posizione. Non una posizione facile quella di Califano che deve cercare di prendere la posizione su Maria ma deve anche difendersi da Federico Meli Parrinello che incalza. Instancabile l’attacco di Parrinello che però non viene portato a termine nonostante i soli 0”.370”’ che lo separano da Califano alla bandiera a scacchi. Vittoria per Nappa che giro dopo giro riesce ad accumulare secondi importanti su Maria che gli permettono di chiudere indisturbato in prima posizione al traguardo.

RISULTATI C-D 1.Nappa 2.Maria 3.Califano 4.Parrinello 5.Audisio 6.Cantile 7.Ricchi Michele 8.Riccio 9.Mauthe 10.Carpenedo

Terza manche vede impegnati i gruppi A-D dove Smaldone in partenza mantiene la testa del gruppo, con alle sue spalle tutti molto vicini e primo su tutti Nappa che lo segue non lasciandolo fuggire. Distacchi veramente minimi con giri quasi in fotocopia, i primi tre piloti rimangono veramente incollati per tutta la prima metà gara. Inizia la bagarre fra Nappa e Parrinello, che si toccano e perdono entrambi la posizione su Mirko Ricchi e Parrinello addirittura scende oltre la metà gruppo. Gruppo unito e compatto per la quarta posizione con ben sei piloti in lista. Continua la rimonta di Parrinello che recupera posizioni, così come recupera Nappa su Ricchi e tenta proprio nelle battute finali di recuperare la seconda posizione. Il sorpasso non riesce e Ricchi mantiene la seconda posizione alle spalle di Smaldone leader indisturbato.

RISULTATI A-D 1.Smaldone 2.Ricchi 3.Nappa 4.Parrinello 5.Albiero 6.Colangelo 7.Audisio 8.Pepe 9.Riccio 10.De Belardini 11.Cantile

Per i gruppi B-C partenza fulminea per Ghidini che già in curva 1 prende la leadership della gara. Silvestri insegue in seconda posizione mentre Califano in terza deve guardarsi dagli attacchi di Maria. Quest’ultimo riesce a passare Califano e fin da subito prende del margine per mettere al sicuro la sua terza posizione. Mentre Maria si allontana da Califano, il gruppo comandato da Mastrogiacomo rimonta per la quarta posizione. Si avvicina tantissimo Silvestri al leader proprio nelle fasi finali di gara, tentando anche l’assalto, Ghidini riesce però a mantenere la posizione fino al traguardo aggiudicandosi anche una seconda manche.

RISULTATI  B-C 1.Ghidini 2.Maria 3.Silvestri 4.Califano 5.Ricchi 6.Paganin 7.Mauthe 8.Mastrogiacomo 9.Cannata 10.Carpenedo 11.Caiola

La penultima manche con i gruppi A-C vede una bella partenza per Mirko Ricchi che prende subito la seconda posizione mentre Maria scivola quarto a vantaggio anche di Califano. I primi tre fuggono dal resto del gruppo comandati da Smaldone ed inseguiti dalla coppia formata da Pepe e Maria. Nel corso del quarto giro Califano riesce a portare a casa il sorpasso su Ricchi conquistando la seconda posizione. I due però non si allontanano, fino al termine della gara restano vicini tanto da lasciare gli spalti con il fiato sospeso fino al photofinish che consegna a Califano la seconda posizione per soli  0”.089”’. Maria si riprendere e riesce nelle fasi finali a recuperare la posizione su Pepe.

RISULTATI  A-C  1.Smaldone 2.Califano 3.Ricchi Mirko 4.Maria 5.Pepe 6.Ricchi Michele 7.Albiero 8.Colangelo 9.Carpenedo 10.De Belardini 11.Mauthe

L’ultima manche di giornata vede coinvolti i gruppi B-D dove ha un ottimo spunto Nappa che si porta subito primo. Ghidini inizia subito ad impensierire Silvestri, che a sua volta tenta di studiare Nappa per riprendersi la leadership della gara. Silvestri riesce a passare Nappa e gli fa cenno di essere seguito per evitare di perdere troppo tempo in bagarre. Nel frattempo Ghidini prova a prendersi la posizione su Nappa e deve fare i conti con gli attacchi di Parrinello. Le posizioni non riescono a mutare, nessun attacco va i importo e i distacchi fra i primi quattro si fanno sempre più importanti fino alla bandiera a scacchi.

RISULTATI  B-D 1.Silvestri 2.Nappa 3.Ghidini 4.Parrinello 5.Paganin 6.Cantile 7.Audisio 8.Caiola 9.Riccio 10.Cannata 11.Mastrogiacomo

Per la categoria Fisaps il più veloce in pista è stato Andrea Pelosi che firma un 58”.919”’ e conquista la pole position di giornata. Partenza lanciata con tutti i piloti vicinissimi ma che vede il testacoda di Luca Rabbeni già in curva 2. Luigi Milano si instaura in testa alla gara con alle sue spalle il Pole man Pelosi. Lotta e contatti fra Milano e Pelosi, dove Pelosi ha la meglio ma solo per poche curve. Un errore infatti lo costringe a ricominciare la rimonta dal fondo della gara e di lasciare Milano in testa al gruppo. Pelosi tenta di recuperare posizioni e si mette alle spalle di Tonio Farina, tra i due un’ottima bagarre alla quale si unisce anche Rabbeni regalando dei sorpassi mozzafiato. La lotta però vede anche un contatto fra i tre con la peggio per Farina a cui si spegne il kart e deve ricominciare dal fondo. Pelosi dopo uno spettacolare salto sul cordolo riesce a prendere la posizione su Rabbeni. Molto più solitari invece i due piloti in testa al gruppo con Milano che vinche con quasi 10 secondi di vantaggio e Roberto Manfredi che in scioltezza chiude secondo alle sue spalle con altrettanto margine sugli inseguitori in bagarre.

RISULTATI 1.Milano 2.Manfredi 3.Pelosi 4.Rabbeni 5.Turco DNF Farina

Partenza fulminea per Rabbeni che si porta subito secondo al via, alle spalle del leader Milano. Già nel corso del primo giro però Pelosi si riprende la seconda posizione e si mette all’inseguimento del leader. Mentre Rabbeni perde nuovamente posizioni, Manfredi si incolla a Farina per dar vita ad una lotta per il terzo gradino del podio. Proprio nel giro di boa Pelosi riesce a mettere a segno il sorpasso decisivo per conquistare la prima posizione di Milano. Bagarre fra Manfredi e Farina che vede un contatto fra i due nel quale Manfredi si gira e lascia la posizione a Farina. Recupera nuovamente Manfredi ma un altro errore sempre in bagarre con Farina gli fa perdere nuovamente tempo. Le posizioni si congelano quindi come tali salvo alcune penalità arrivate dalla commissione di gara che stravolgono l’ordine di arrivo.

 

RISULTATI 1.Pelosi 2.Milano 3.Manfredi 4-Rabbeni 5.Farina 6.Turco

Novità della stagione per la categoria Junior che per la prima volta si ritrova con una griglia unita e fitta di talenti. La pole position di giornata è firmata da Mauro Palermo che fa registrare il tempo di 55”.078”’. Una partenza davvero perfetta con tuti i piloti che rimangono vicinissimi, con il primo assalto che viene tentato da Pietro Cargnel su Alfredo Celentano e che riuscendo gli consegna la terza posizione. Rimangono invece saldi davanti a tutti Palermo e Mirko Graziani. Bagarre serrata a metà gruppo fra Gianmarco Varini e Filippo Massa Micon per il sesto posto. Cargnel intorno alla metà gara tenta il sorpasso su Graziani, riesce a mettere le ruote davanti ma l’incrocio di traiettoria da la meglio a Graziani. Ne approfitta Celentano che si riavvicina alla coppia in lotta e con lui anche Andrea Cerbone. Cerbone riesce a passare Celentano, mentre Cargnel riesce a portare a casa il sorpasso su Graziani. La bagarre fra i due fa perdere ben due posizioni a Graziani che si ritrova così quinto al traguardo.

RISULTATI 1.Palermo 2.Cargnel 3.Cerbone 4.Celentano 5.Graziani 6.Varini 7.Bruni 8.Marcon 9.Massa Micon 10.De Gaetano 11.Barone 12.Lo Bianco

Scintille in partenza di Gara2 dove Palermo mantiene la leadership davanti a Cargnel, mentre Lorenzo Bruni incappa nell’errore nelle primissime battute di gara e scivola ultimo. Celentano si porta in terza posizione, mentre alle sue spalle è bagarre serrata fra Varini, Micon e Graziani. Varini sembra averne di più e si scrolla di dosso Micon e Graziani mettendo nel mirino Celentano. Passata la metà gara Cargnel si porta nettamente alle spalle di Palermo iniziando a impensierirlo. I due in testa arrivano veramente vicini cosi come Varini si porta insidioso alle spalle di Celentano. Nessuna delle due lotte riesce ad accendersi con le posizioni che rimangono dunque  invariate senza ulteriori sorpassi fino alla bandiera a scacchi. Punti decisamente importanti in ottica campionato con Palermo che grazie a questa doppietta si porta a 30 lunghezze da Graziani.

RISULTATI 1.Palermo 2.Cargnel 3.Celentano 4.Varini 5.Marcon 6.Massa Micon 7.Bruni 8.Lo Bianco 9.De Gaetano 10.Graziani 11.Barone DSQ Cerbone

Per la categoria Team trionfa il M.A.S. Turbo con Matteo Smaldone, Alfredo Celentano e Giovanni Barone. Secondo gradino del podio per il Ricchi’s Course Team con i fratelli Mirko e Michele Ricchi, Pietro Cargnel e Mauro Palermo. Chiude il podio l’Abbruzzo Korse con Riccardo Mauthe, Alessandro Angelini e Francesco Cantile.

6 campioni per 7 classi/Categorie

The winners

MATTEO SMALDONE

ROTAX SPORT & ROTAX ASSOLUTA

VINCENZO CALIFANO

ROTAX GP

GIULIANO GHIDINI

ROTAX GENTLEMAN

MAURO PALERMO

ROTAX JUNIOR

ALESSANDRO ANGELINI

NEXT GEN

LUIGI MILANO

FISAPS